Ricerca personalizzata

sabato 24 gennaio 2009

Ponte Vecchio, Firenze

Oggi vi parlo del Ponte Vecchio, forse il simbolo di Firenze più conosciuto e apprezzato al mondo, luogo privilegiato per tutti i piccioncini del globo che vengono qui a sbaciucchiarsi, a guardare il panorama e a sbirciare gli anelli di fidanzamento nelle vetrine degli orafi :-)
Ci sono stata tante di quelle volte... a volte l'ho usato semplicemente come traversamento per passare dall'altra parte dell'Arno (che poi sarebbe quello il suo scopo no?) e me ne sono sempre pentita amaramente, ogni volta è così affollato di turisti che nello stesso tempo invece che Ponte Vecchio avrei potuto percorrere tutto il parco delle Cascine a zoppetto...Però è tanto bello, e il sacrificio di sgomitare e insinuarsi tra i giapponesi si sopporta, tanto per tutto il centro di Firenze è la stessa storia...

Il Ponte Vecchio è il traversamento sull'Arno più antico di Firenze, esiste circa dall'anno 1000 ed è stato distrutto e ricostruito più volte, perchè l'Arno è sempre stato tumultuoso e a volte traditore.E' stato il primo ponte ad utilizzare gli archi ribassati invece che i soliti archi a tutto sesto dei romani, e l'idea si è rivelata ingegnosa e vincente, tanto che è stata presa a modello per altri ponti.La sua caratteristica principale, quella che colpisce l'immaginario di chiunque lo guardi, è la presenza di edifici addossati lungo tutto il ponte, piccole costruzioni che costituiscono un vero e proprio prolungamento della strada e della vita citadina sul fiume. In pratica soo due file continue di botteghe interrotte al centro da una loggetta panoramica.
Ormai è l'unico ponte che ha mantenuto questa caratteristica che oggi tutti considerano molto insolita, ma dovete sapere che fino a qualche secolo fa la cosa non era affatto rara, la maggior parte dei ponti fiorentini erano ponti "costruiti", con le botteghe sopra come Ponte Vecchio, per esempio anche il ponte alle Grazie era pieno di botteghe e c'erano anche diverse cappelle votive.

Sul lato sinistro del ponte, sopra le botteghe passa il Corridoio Vasariano, un passaggio aereo che fu fatto costruire dal granduca Ferdinando nel '500 per collegare il centro cittadino del potere, Palazzo Vecchio, con la residenza dei Medici, Palazzo Pitti, senza dover necessariamente confondersi con la plebaglia e il popolino nelle strade. Siccome Ferdinando era un furbetto ha fatto aprire tante finestrelle lungo il corridoio, per poter vedere senza esser visto cosa succedeva al di sotto, e soprattutto cosa diceva la gente di lui quando non era nei paraggi.
Ma Ferdinando oltre ad essere pettegolo era anche un po' snob, e aveva fastidio a passare sopra il Ponte Vecchio, dove c'erano le botteghe dei beccai, i macellai, con le loro grida, ma soprattutto con i loro odori di carne e sangue che poco si addicevano ad un signore come lui... così mandò via i beccai e chiamò gli orafi ad occupare le botteghe, un'attività ben più nobile e signorile.
Naturalmente io preferisco di gran lunga i beccai, con la carne e l'odore di sangue, dei gioiellieri non me ne frega nulla, tanto non posso permettermi niente! Evidentemente io e Ferdy avevamo gusti diversi... Se fossi stata la granduchessa, di passaggio nel corridoio magari avrei aperto una di quelle finestrelle segrete, avrei allungato una manina e avrei arraffato una salsiccia e un fegatino!
Il corridoio Vasariano è visitabile e merita sicuramente, ma organizzatevi prima perchè le visite sono solo su appuntamento e in alcuni giorni prestabiliti.

Come vi ho detto al centro del ponte si apre una loggetta per ammirare il panorama di Firenze vista dall'Arno, c'è il busto di Benvenuto Cellini, l'orafo fiorentino più bravo e famoso, ed è qui che i piccioncini di tutto il globo piccioneggiano e si fanno fotografare incorniciati dalla loggetta. Io non sono mai riuscita a farmi fare una foto decente perchè nella mia foto ci voglio essere solo io e la loggetta, mica un giapponese di passaggio e un americano che si sbrodola col gelato! E la cosa è praticamente impossibile vista la folla di turisti... Dalle loggette si può anche ammirare il colore marron-melmoso dell'Arno, individuare i toponi giganti che spadroneggiano sulle rive e immaginare quali terribili malattie medievali ci possiamo prendere se si cade in Arno (girano leggende terrificanti al riguardo).

Ah, vi ricordo che il Ponte Vecchio è stato l'unico ponte che i nazisti non hanno bombardato a Firenze, perchè a Hitler piaceva tanto e una volta conquistata l'Italia avrebbe avuto piacere a tenerselo... Ci mancava altro che tirasse giù anche questo!

7 commenti:

PanoraMI ha detto...

ciao, ti ho inserito tra gli amici di www.panorami.info
spero tu voglia fare altrettanto
ciao
ricky

Aly ha detto...

Ciao!ank'io sn stata a Firenze e ho visto il suddetto ponte..ke dire, stupendo, concordo!
(Ti ho aggiunta ank'io tra i blog amici)^^
Aly

Staff di Italy-lowcost ha detto...

Ciao Claudia, sono Pasquale di http://italy-lowcost.blogspot.com/ ho inserito il tuo link su un altro blog da me gestito: http://otranto-puglia.blogspot.com/ hai ancora un ranking di google molto basso (zero)!
A presto e buon lavoro, è veramente interessante!

kris ha detto...

Ciao Claudia, grazie della tua visita, ti ho inserito nella lista dei miei blogs (M come Maramures).
Buona giornata anche a te!

Anonimo ha detto...

imparato molto

Anonimo ha detto...

good start

Anonimo ha detto...

Your blog keeps getting better and better! Your older articles are not as good as newer ones you have a lot more creativity and originality now keep it up!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails